verona

Cosa vedere a verona

Verona è una delle città capoluogo di provincia della regione Veneto, la quale si estende nell’Italia nord-orientale. Se sei un inguaribile romantico, non puoi non fare tappa a Verona che è considerata una delle città italiane più romantica poiché qui si è ambientata la storia dei due innamorati più conosciuti al mondo, Romeo e Giulietta, protagonisti della tragedia shakespeariana. Ovviamente però la città di Verona, oltre allo storico balcone della casa di Giulietta ha tanto da offrire sia in termini di architettura che paesaggistici, senza dimenticare poi la cucina ed i piatti tipici che fanno parte della tradizione del posto. Senza farti perdere in discorsi frivoli, ecco dunque un percorso che potrai seguire qualora decidessi di trascorrere qualche giorno a Verona.

Booking.com

L’Arena di Verona

Questo grande anfiteatro romano, considerate le dimensioni, è il terzo in ordine di grandezza dopo il Colosseo e l’Anfiteatro Campano. Pertanto l’Arena è divenuto simbolo di Verona stessa insieme alla casa di Giulietta, tanto da essere visitate entrambi da una quantità considerevole di turisti. Oggi qui si svolgono tantissimi concerti ed opere liriche e teatrali.

Casa dei Capuleti

Anche se la tragedia è stata inventata dalla fantasia dello scrittore inglese, le famiglie dei Montecchi e Capuleti furono davvero esistiti e quindi la casa di Giulietta era davvero la dimora della famiglia dei Capuleti. Davanti al famoso balcone è stata poi collocata una statua di Giulietta.

Piazza delle Erbe

Non molto distante dalla Casa di Giulietta potrai giungere a piazza delle Erbe, la quale rappresenta il centro storico del paese dove un tempo si svolgevano i mercatini mentre oggi potrai trovare solo botteghe che vendono souvenir. Attorno alla piazza guarderai, palazzi storici e torri medievali tra cui il palazzo del Tribunale, mentre nelle fondazioni c’è il museo sotterraneo dedicato agli Scavi Scaligeri. Al centro della piazza invece puoi vedere una fontana dedicata alla Madonna Verona; da un lato della piazza poi è situato il Palazzo Maffei costruito in stile barocco, di fronte al quale si erge su una colonna il Leone San Marco, simbolo dell’epoca dei veneziani sulla città.

Piazza dei Signori

Poco distante da Piazza delle Erbe, passando per l’Arco della Costa, eccoti un’altra piazza di Verona dove non puoi mancare. Piazza dei Signori è conosciuta anche sotto il nome di piazza Dante poiché al centro potrai vedere proprio una statua che raffigura il sommo poeta. Sulla piazza affacciano altri edifici storici e religiosi come Palazzo del Podestà, Palazzo della Ragione, La Loggia del Consiglio, Palazzo di Cansignorio e la Chiesa di Santa Maria Antica. Ognuno di essi risale a diversi periodi storici a seconda delle varie dominazioni sulla città. Nei pressi del Palazzo della Ragione potrai salire fin sopra la Torre dei Lamberti, in tale avrai un vista dall’alto davvero incantevole della città di Verona.

Duomo di Verona o Cattedrale di Santa Maria Matricolare

Si tratta di un complesso di Battisteri dove oggi è collocata la sede vescovile della diocesi di Verona. Potrai raggiungerla attraversando il fiume Adige passando per il Ponte Pietra. La cattedrale risale all’epoca romanica, mentre il suo campanile, che è un punto di riferimento per tutti i veronesi, è invece più giovane. Oggi il Duomo rappresenta il principale luogo di culto per i cittadini. Dallo stesso ponte puoi raggiungere poi anche il Teatro Romano e il Museo Archeologico. Vicino al fiume sorge invece il Castelvecchio un tempo chiamato come Castello di San Martino in Aquaro, oggi residenza del museo civico.

Piazza San Zeno

Se sei appassionato di luoghi religiosi, metti tra le tue tappe questa piazza dove guarderai il monastero di San Zeno e la basilica di San Zeno, dove grazie al ritrovamento di reperti archeologici si è scoperto che un tempo c’era la necropoli cittadina e numerosi sepolcri.

Piazza Bra

Per chiudere il cerchio della storia vai a vedere in tale piazza il Palazzo della Gran Guardia e Palazzo Barbieri, simboli dell’occupazione austriaca, ed il Teatro Nuovo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *