torino

Cosa vedere a Torino

Torino è una città dalle mille sfaccettature, con le dimensioni di una metropoli e la godibilità di una cittadina di provincia. Il suo essere stata capitale d’Italia, la rende ricca di storia e cultura e, unitamente al suo fascino magico ed esoterico, questo la rende una meta molto appetibile.

Booking.com

La Mole Antonelliana

Durante la tua permanenza a Torino non potrai fare a meno di restare colpito dall’imponenza di questo edificio, costruito tra il 1863 e il 1953, per lungo tempo tra i più alti d’Europa (fatto per il quale è stata attribuita la denominazione di “Mole”).
Questa struttura, che deve il suo nome all’architetto che l’ha progettata (Alessandro Antonelli) è indubbiamente il simbolo più celebre della città e ha subito numerosi interventi durante i secoli, sia per aumentare la sua altezza che per rafforzare la struttura, inizialmente costruita solo in muratura.
Della Mole noterai certamente la cura delle decorazioni che adornano la facciata esterna e la meravigliosa vista che si gode dalla cima.
Al suo interno, inoltre, è collocato il Museo del Cinema, uno spettacolo piacevole e interessante per adulti e bambini.

Il museo egizio

Il museo egizio di Torino è considerato, per la vastità della collezione che ospita e per il valore della stessa, il più importante museo egizio dopo quello del Cairo.
Sicuramente ti aspetterà una discreta coda da affrontare, ma ti accorgerai che ne sarà assolutamente valsa la pena!
Il museo è situato nel Palazzo dell’Accademia delle Scienze ed è stato riaperto al pubblico nel 2015, dopo più di tre anni di chiusura per ristrutturazioni.
Al suo interno è presente una vastissima gamma di reperti risalenti alla civiltà egizia, dai sarcofagi agli oggetti di uso quotidiano (specchi, spazzole, orecchini e fermagli), fino ad arrivare a vere mummie conservate in ottime condizioni.
Ti sembrerà di ritrovarti catapultato in un’altra epoca, una
magia senza tempo! Una tappa obbligata!

Palazzo reale

Questa imponente struttura ha costituito un elemento importante nella storia della città, essendo stata per lungo tempo la dimora principale della dinastia sabauda.
Innanzitutto, non resterà inosservata l’enorme cancellata che decora l’ingresso. Ha una lunghezza di ben 107 metri, con un’altezza media di 30 metri circa. L’austerità della facciata ben rispecchia lo scopo di centro politico e strategico che questo enorme palazzo doveva ricoprire. In contrapposizione a questa semplicità, spiccano i maestosi interni, ricchi di pregiati arredamenti e decorazioni barocche.
Il Palazzo Reale, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, si affaccia sulla vastissima piazza Castello e vede alle sue spalle i curatissimi giardini reali.

Parco del Valentino

Il Parco del Valentino deve il suo nome alla convizione che vi fossero conservate le reliquie di San Valentino, il celeberrimo patrono degli innamorati. Se apprezzi le lunghe passeggiate immerse nel verde, questo è il luogo che fa per te! Il Parco si estende per più di 400.000 metri quadri lungo le rive del Po ed è ricco di vegetazione di varie specie e anche di numerosi animali (come non menzionare gli splendidi scoiattoli!).
A qualsiasi ora del giorno vi incontrerai torinesi che fanno jogging o vanno in bici per ritagliarsi una parentesi “green” e staccare dal grigiore della città.
Non mancano anche sculture di prestigio come la maestosa fontana del Ceppi che rappresenta le quattro stagioni.

Duomo

All’interno di questa chiesa rinascimentale, costruita nel XV secolo, puoi osservare uno degli elementi più suggestivi di Torino: la sacra sindone. Questo incredibile lenzuolo di lino, custodito a Torino dal 1578 è oggetto di numerosi pellegrinaggi da tutto il mondo. Sulla sua superificie sono ben visibili i tratti di un uomo che si è soliti identificare con la figura di Gesù, ritenendo che questo sia stato il lenzuolo utilizzato per avvolgere il suo corpo nel sepolcro.
La sidone è esposta solo in alcuni periodi dell’anno ma, che tu sia credente o no, vale la pena di osservare da vicino un oggetto dotato di incredibile misticismo e di un’aura di sacralità e mistero.