Il Myanmar, la porta dell’Oriente

Si sente parlare del Myanmar: una nazione il cui sol nome rievoca paesaggi misteriosi, nebbie lontane, grandi città e foreste. Questo Paese è noto anche col nome di Birmania ed è una delle più affascinante nazioni nell’Oriente, che sta venendo riscoperta in questi anni.

Booking.com

La Birmania ha un fascino unico, da scoprire lentamente, senza fretta. Questa terra di meraviglie, è talmente ricca di cose belle che chi ne torna rimane quasi stordito dal suo splendore e dalla sua cultura millenaria. Vediamo cosa vedere in Myanmar.

Myanmar, cosa vedere

L’ex capitale della Birmania è Yangon. Una meraviglia che sorge sul fiume omonimo e che offre una pagoda, alta 100 metri e tutta ricoperta di foglie d’oro, detta Shwedagon Paya. Una bellezza che è diventata il simbolo della città, assieme al famoso Buddha Disteso, lungo ben 65 metri.

Un altro luogo molto bello dove si può ammirare il simbolo della fede buddista è la Golden Rock, la pietra d’oro, che si trova a circa 200 km dall’ex capitale. Si tratta di un grande masso in bilico, coperto di foglie d’oro: secondo la leggenda, è sospeso da un capello di Buddha stesso.

La Valle di Bagan rimane uno dei luoghi più belli di tutta la Birmania. La valle è perfetta per fare un giro in mongolfiera, alle prime luci dell’alba, e per sorvolare uno spettacolo naturale che sembra uscito dai sogni.

Potete anche noleggiare una bici e girare in questa splendida zona, disseminata di enormi templi rossi. Il momento migliore per ammirare Bagan è il tramonto o l’alba.

Ma stupendo, senza dubbio, è anche il Palazzo Reale di Mandalay: alcune zone dello stesso sono interdette ai turisti. Questa zona offre degli scorci bellissimi e ovviamente delle statue bianche e tetti in oro che non potrete dimenticare.

A Mahamuni Paya di Mandalay alle quattro di mattina i monaci lavano la statua di Buddha. Uno spettacolo splendido, ma dovrete alzarvi presto.

Un’altra zona da visitare in Birmania è il Lago Inle, a settentrione. Qui una gita sulla tradizionale barca locale è ovviamente necessaria: si tratta di un’escursione molto turistica, ma necessaria se volete capire meglio come si vive in questo Paese.

Se volete visitare una zona insolita del Paese, Mawlamyine, ex colonia che ha ispirato i romanzi di tantissimi scrittori, è davvero unica.

Cosa mangiare in Myanmar

La cucina della Birmania è molto semplice, essenzialmente a base di verdura e pesce. L’insalata di foglie di tè è uno dei piatti che vengono serviti agli ospiti: attenzione però, è molto pesante, a dispetto del nome.

Troverete molti piatti a base di pesce, tantissime insalate e ovviamente anche carne: quella di maiale è la più amata.