natale in sudamerica

Natale in Sud America, non solo spiagge e mare

Si avvicina il Natale, periodo di feste, festeggiamenti e per chi può anche di viaggi, ma quando si parla di viaggi natalizi non parliamo solo di neve, sci e slitte in alcuni casi si parla anche di mare, sole, posti esotici ed escursioni alla scoperta di culture e paesi ricchi di novità e diversità rispetto a ciò a cui siamo abituati in Europa. Non stiamo parlando neanche di Maldive, Bora Bora o Seychelles ma del Sud America e delle sue infinite possibilità per chi decide di andare alla scoperta della parte più esotica, festosa e incredibilmente sorprendente del nuovo continente.

Booking.com

L’ America del Sud ha un’ estensione geografica come poche al mondo e perciò in quei 10 massimo 14 giorni di vacanze che si potrebbero avere durante le vacanze di natale non si potrebbe visitare tutto quindi vi proponiamo solo alcuni dei posti per cui vale la pena prendere un volo di 9/12 ore e andare dall’ altra parte del mondo.

Naturalmente il primo paese che viene in mente pensando al Sud Ameria è il Brasile da un lato perché è il paese più grande del continente dall’altro per le spiagge dell’ amata Rio de Janeiro protette dalla maestosità del Cristo Redentore; ma il Brasile non è solo Rio, è giusto considerare anche Sao Paulo che con i suoi 12 milioni di abitanti è una città più cosmopolita di New York, Florianapolis(Floripa i brasiliani) con le sue spiagge dove si può addirittura fare snowboard quasi come se fossimo sulla neve e ricca di vita mondana, le foreste amazzoniche e per i pochi amanti dei posti più insoliti c’è Fernando de Noronha, un arcipelago a 350 chilometri dalle coste brasiliane che è un vero e proprio paradiso in terra tanto che possono pernottare al massimo 700 persone alla volta. Dal Brasile ci spostiamo alle montagne del Perù, paese noto a tutti per ospitare una delle sette meraviglie del mondo e cioè il rinomato sito archeologico di Macchu Picchu che naturalmente è il posto da visitare quando si arriva qui, il viaggio per arrivarci non è dei più comodi ma dopo tanta fatica la vista e la maestosità della vecchia cittadina Inca ripagherà tutte le fatiche, oltre ai posti noti sono da visitare anche le Rainbow Mountain situate a 5200 metri d’ altitudine nella regione di Vinicunca. Dopo i posti più noti saltiamo l’argentina e le sue cittadine stranote come Buenos Aires e giungiamo in Bolivia e in particolare nel Salar de Uyuni, deserto di sale che rappresenta la più grande distesa di sale della terra anche qui il viaggio non è dei più semplici e inoltre considerando che la Bolivia è la nazione più elevata dell’ intero continente americano bisogna stare attenti alla rarefazione dell’ aria e magari abituarcisi prima di iniziare il viaggio verso il deserto di sale.

Le meraviglie del Sud America sono infinite e sarebbero tutte da visitare soprattutto nei mesi invernali quindi per chi ha il tempo di farlo sotto natale ci sembra giusto consigliare di non perdersi tutto ciò che il continente sudamericano ha da offrire.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *